Biografia 2019-10-28T15:43:52+00:00

Alessandro Centolanza | BIOGRAFIA

Alessandro Centolanza è un chitarrista, compositore e cantautore milanese.
E’ attivo dal 2010 con diverse produzioni discografiche in qualità di chitarrista jazz e al 2018 risale la sua prima uscita come cantautore. “Il giorno, poi la notte”, esce infatti nel novembre del 2018 presso Squilibri editore e si qualifica tra i cinque finalisti della Targa Tenco come opera prima.

Si forma come autodidatta, ma soprattutto con l’esperienza sul campo grazie alle collaborazioni con musicisti di alto livello incontrati nei suoi numerosi viaggi. Dal 2010 al 2012 si inserisce nella scena musicale di New Orleans dove suona con diverse band locali con le quali si esibisce tra Stati Uniti, Europa e Sud America.

Nel 2013 sente l’esigenza di un ritorno alle radici e rientra in Italia, a Milano, dove nel 2013 inizia a scrivere le sue prime canzoni in italiano. Di lì a poco forma il gruppo Centolanza e Gli Splendidi, col quale ad oggi porta in giro il concerto-spettacolo “Il giorno, poi la notte”.

DISCOGRAFIA

2010: incide “Delirium” – come chitarrista nella “Delirium jazz band”, celebre band milanese tra il 2001 e il 2010.

2011: collabora e incide con Tony Green, chitarrista e pittore americano che risiede a Venezia

2012: incide in America con “Showarama hot trio”, nominato da Off-Beat come tra i migliori tre dischi dell’anno

2012: incide in America con “The Royal roses” and Aurora Nealand2013: incide in America con gli “Smoking time jazz band”

2013: incide a Milano il primo disco dei “Figli di Pulcinella”, progetto jazz d’avanguardia da lui stesso fondato

2014: incide il secondo disco con i “Figli di Pulcinella”
2016: incide due brani come chitarrista per “Caramè”, cantautore bergamasco

2017: in preparazione il secondo disco dei Four On Six, gruppo manouche milanese molto attivo sulla scena italiana ed europea

2018: esce il disco “Colpo di testa” con i Four On Six, presso la Irma records

2019: in uscita nel 2018 il suo disco d’esordio come cantautore “Il giorno, poi la notte”, presso la Squilibri editore

LA BAND

Gli splendidi sono:

Alessandro Centolanza: voce, chitarra, pianoforte, colpi di testa
Filippo Cuomo Ulloa: chitarra, pianoforte
Tazio Forte: fisarmonica, pianoforte
Arturo Garra: clarinetto
Andrea Jimmy Catagnoli: sax contralto
Vito Zeno: basso elettrico
Stefano Grasso: batteria, xilofono

(Lo spettacolo può essere presentato in solo, duo, trio o in formazione completa)

LO SPETTACOLO

“IL GIORNO, POI LA NOTTE”

Alessandro Centolanza assieme agli Splendidi presenta “Il giorno, poi la notte”, un concerto diviso in tre atti che vanno a scandire tre momenti topici di una qualunque giornata: mattina, pomeriggio e notte. All’interno di questo spazio temporale così apparentemente breve lo spettacolo riesce a far emergere un immaginario poetico e quotidiano che trascende tempo e spazio. Il divenire del giorno svela man mano all’ascoltatore contraddizioni, illusioni, disagi, amori e rabbia: dall’alba al tramonto tutto quello che può essere vissuto da un uomo in una vita intera, in bilico tra pessimismo e voglia di ridere. Lo spettacolo parte dal mattino, una situazione più jazzata, dove i testi si alleggeriscono grazie a ritmi e melodie swing. Nel pomeriggio le sonorità diventano più taglienti, acide ed elettriche, a dar libero sfogo alla Rabbia, quella vera, quella sana, quella che non si vergogna di gridare l’evidente malora che ci colpisce tutti.
Infine notturni, il pianoforte. Oscurità e intimità accompagnano lo spettatore verso la fine del giorno in un immaginario di un’intensità rara.Lo spettacolo è un racconto a cuore aperto, la cui urgenza comunicativa prende forme e umori differenti: falsi monologhi, sproloqui veri, colpi di scena e cambi d’abito.
Il tutto offerto in una maniera generosa e diretta che rende le storie narrate sempre affascinanti per chiunque le accolga.

Uno spettacolo unico, nel bene e nel male